illuminazione pubblica
illuminazione pubblica

Fra Erice ed Enel Sole c’è la guerra dei pali

Numerose segnalazioni sul disservizio determinato dalle frequenti interruzioni della pubblica illuminazione in vaste zone del territorio hanno indotto il Difensore Civico di Erice a disporre un’indagine d’ufficio sulla gestione del servizio di manutenzione degli impianti elettrici posti sulle strade comunali.Dal rapporto stilato è risultato che «il Comune di Erice corrispondeva  all’Enel Sole spa l’esosa somma di 239.565 euro quale corrispettivo annuale per mantenere in efficienza gli impianti di proprietà della società Enel spa. (1908 corpi luminosi), mentre spendeva la somma di 70.000 euro per la manutenzione ordinaria annuale di un corrispondente numero di  impianti di proprietà comunale».

L’esosa spesa destinata alla manutenzione degli impianti di proprietà Enel viene erogata da circa vent’anni in base ad una obsoleta convenzione stipulata in data 28 settembre 1987, della durata triennale, che sarebbe tutt’oggi efficace in base ad una clausola di tacito rinnovo.

Tuttavia, durante le proprie indagini, l’avvocato Sammartano ha pure scoperto che l’Ufficio Tecnico Comunale non era in possesso di «idonea doentazione atta a comprovare l’assunto secondo cui una parte degli impianti di pubblica illuminazione sarebbero di proprietà Enel. Peraltro tale doentazione, seppure ufficialmente richiesta, non è stata fino ad oggi esibita dall’Enel né dalla società Sole spa».Si è rilevato, inoltre, che «nel corso degli anni è aumentato il numero dei pali elettrici censiti tra quelli di proprietà dell’Enel, nonostante sia placido che le spese per l’istallazione degli impianti sia stata sopportata per intero da questo Comune, almeno negli ultimi dieci anni».

Secondo l’avvocato Sammartano, difensore civico di Erice «appare pertanto incomprensibile il motivo giuridico in forza del quale l’Enel pretende di esser proprietaria di gran parte delle impianti – essendo stati tutti pagati dal Comune – ed il motivo giuridico per cui la municipalità di Erice ha avallato tale tesi per almeno un ventennio, concedendo all’ Enel un compenso diretto per la manutenzione di parte dei corpi illuminanti».

In ogni caso «in base alla citata convenzione stipulata nel lontano 1987 l’Enel avrebbe dovuto mantenere gli impianti di pubblica illuminazione di sua proprietà, eseguendo un rigoroso programma di manutenzione ordinaria», mentre «considerato lo stato di degrado e di abbandono in cui versa la maggior parte dei pali elettrici» è di tutta evidenza che l’onere contrattuale «non pare essere stato rispettato».

Particolare attenzione è stata assegnata, dal Difensore Civico della Vetta, nel proprio rapporto, infine, all’art. 6, secondo comma, della L. 537/93 che «vieta espressamente il rinnovo tacito dei contratti delle pubbliche amministrazioni aventi ad oggetto la fornitura di beni e servizi, comminando la sanzione civile della nullità per gli atti stipulati in violazione di tale norma». Sulla base di tale legge, secondo l’avvocato Sammartano «l’efficacia della citata convenzione [tra Enel e Comune, ndr] appare almeno dubbia». L’Ufficio Tecnico Comunale ha, peraltro, aggiunto che «nell’anno 2003 non è stata effettuata la sostituzione a programmata di tutte le lampade presenti nel territorio nonché la manutenzione ordinaria dei pali» [nonostante sia stata pagata? NdR].

Dopo le segnalazioni del Difensore Civico la società Enel Sole è stata richiamata «al rispetto dei propri doveri contrattuali e, per la prima volta, ha accettato di eseguire il ripristino degli impianti non funzionanti [ne sono stati rilevati 95, NdR] a propria cura e spese». Tuttavia, particolari risparmi per la collettività si otterrebbero, una volta individuata la reale proprietà dei pali della pubblica illuminazione, dall’assegnazione della manutenzione degli stessi secondo le regole del mercato.

E’ auspicabile una coraggiosa presa di posizione della amministrazione diretta a superare la situazione di “empasse”, anche a costo di intraprendere iniziative giudiziali per far accertare l’effettiva proprietà degli impianti di pubblica illuminazione.

Nel frattempo che Ignazio Sanges decida sul da farsi, la manutenzione della pubblica illuminazione continua a lasciare a desiderare…

Dì la tua, inserisci un commento!

About Natale Salvo

Natale Salvo
Blogger. Nel lontano 2002 ha aperto il blog Altratrapani. Nel 2004 prova l'esperienza dell'editoria tradizionale, fondando il mensile "Domani Liberi" distribuito nelle edicole di Trapani ed Erice. Nel 2007 è candidato sindaco alle comunali, per Trapani, volendo proporre la concreta realizzazione delle proprie idee ai concittadini.

Check Also

editoriale

I Partiti si riordinano

Rinasce Forza Italia, è nato il Nuovo Centro Destra. La notizia sta nel fatto che …