L’acqua è più trasparente

TRAPANI – Il primo impegno è già stato mantenuto dall’assessore Giuseppe Solina. Era stata una delle richieste specifiche di Natale Salvo, portavoce dell’associazione “Per un’Altra Città”, nel “Forum” sull’acqua dello scorso maggio.

Da qualche giorno sul sito web del Comune di Trapani campeggia un “banner” con su scritto “Analisi delle acque in distribuzione” cliccando il quale si accede ad una pagina dove sono elencati i risultati delle analisi chimiche e batterologiche effettuate, mensilmente, a partire dallo scorso gennaio, alle acque erogate a Trapani, a San Giovannello ed alla fontanella di via Vespri.

«Si tratta – ha commentato ancora Natale Salvo – di un primo passo per dare ai cittadini la consapevolezza che, dopo tutto, l’acqua che il Comune di Trapani eroga al contatore è potabile, anzi buona».

«Naturalmente vanno fatti salvi i casi di rotture delle tubature che possono causare, per breve tempo (il Comune, in questi casi, interviene tempestivamente per le riparazioni), circoscritti casi di inquinamento. Sta, poi, ai cittadini, data che l’acqua non è corrente ma accumulata nelle cisterne condominiali, garantire la pulizia e disinfezione periodica delle stesse e quindi la salubrità dell’acqua che esce dai rubinetti di casa».

«Quella del consumo dell’acqua di rubinetto – ha concluso Natale Salvo –  è un primo passo per raggiungere, fattivamente e non solo a chiacchiere, una strategia “rifiuti zero”, se solo si pensa a quanti contenitori di plastica per l’acqua minerale gettiamo nei nostri cassonetti».

Nell’incontro l’Amministrazione ha convenuto sulla necessità di proporre al Consiglio comunale di aggiornare il vigente “Regolamento per il servizio idrico integrato” adottato oltre sei anni fa.