Baby Vigili: 2^ Edizione, seconda pioggia di multe

TRAPANI – I baby vigili sono scesi in campo ad un anno di distanza. Pioggia di multe anche questa volta: più di trecento in poco più di un’ora e trenta.

Nonostante la strana coincidenza che si è verificata nei giorni scorsi quando, nel giro di ventiquattr’ore, il Carcere, i Vigili Urbani, la scuola Umberto di Savoia e la Livio Bassi si sono tirati indietro rischiand di far quasi saltare la manifestazione e giorni interi di preparativi portati avanti dai volontari di Legambiente, adducendo motivazioni poco chiare e nebulose, la manifestazione ha avuto luogo ugalmente e, aggiungono gli insegnanti del primo circolo di Trapani ed i volontari di Legambiente “Con enorme successo, bambini entusiasti ed una lezione di educazione civica fatta sulla strada a mo’ di gioco”.

Più di 300 sono state la multe comminate dai baby vigili lungo l’asse viaria principale della città e la massima parte per parcheggi in prossimità di incroci e sul marciapiede.

Nel dettaglio le multe sono state così suddivise:

Parcheggio in doppia fila: 30 multe,
Parcheggio in prossimità degli scivoli: 22 multe,
Parcheggio sulle strisce pedonali: 41 multe,
Parcheggio in prossimità della fermata degli autobus: 39 multe,
Parcheggio in prossimità dell’incrocio: 91 multe,
Parcheggio sul marciapiede: 104 multe.

L’entusiasmo è stato alla base della manifestazione e i circa sessanta bambini della scuola elementare “Giovanni Verga” si sono riversati sulla via Giovan Battista Fardella armati di multe e spirito di osservazione ed in poco più di un’ora e mezza a comminare ben 327 multe, molte delle quali per parcheggio sul marciapiede.
Ma le multe potevano essere ben più numerose se solo si fosse provveduto a stamparne in numero più cospicuo.

Il risultato di questa giornata è che, purtroppo, i trapanesi sono dotati di scarso senso civico: buona parte del totale delle multe sono state rilevate a chi, incurante degli altrui bisogni, lasciava la macchina in sosta nel primo spazio disponibile trovato, incurante se sopra le strisce pedonali, nei pressi di uno scivolo per disabili o nei pressi degli incroci.

“Non so dove mettere la macchina e poi tanto questa è la prima multa che prendo ho parcheggiato anche peggio di così e nessun mi ha mai messo nessuna multa sul parabrezza “ Dice un signore (dallo scarso senso civico a dire il vero) che in un colpo solo ha preso tre multe per parcheggio sulle strisce, davanti a uno scivolo per disabile ed in prossimità di incrocio…

Sicuramente è chiaro le 327 multe prese dai bambini delle scuole elementari sono anche il frutto di un’incapacità da parte del cittadino di rapportarsi col codice della strada, ma sono anche e soprattutto frutto di una difficoltà oggettivamente sotto gli occhi di tutti da parte di chi dovrebbe prodigarsi per farlo rispettare e non lo fa.

Tirando le somme della giornata due obiettivi sono stati raggiunti: i bambini hanno colto gli insegnamenti importanti sul codice della strada e gli automobilisti hanno preso coscienza delle infrazioni commesse.

Un particolare ringraziamento dell’associazione di volontariato, oltre che alla scuola e alle maestre che hanno dato la loro disponibilità alla manifestazione, va anche alle forze di polizia che si sono resi disponibili a guardare e sorvegliare i bambini affinchè tutto procedesse nel migliore dei modi e senza incidenti.

“Grazie alla polizia che ci è stata vicina durante questa manifestazione ci siamo sentiti sicuri e protetti. Per questo – dice un volontario dell’associazione – vogliamo ringraziarli pubblicamente per aver fatto ciò che altre forze dell’ordine ( chi?? ^_^) non hanno voluto fare.”