Il Verderame è a rischio esondazione

PACECO –  L’assessore ing. Giuseppe Cusenza, rispondendo ad una interrogazione del consigliere del dott. Gianni Basiricò e del Gruppo PDL, ha ammesso tutte le criticità della situazione ovvero la difficoltà far fronte ai «problemi che possono essere causati da eventi piovosi di particolare intensità».«Il Genio Civile ha appaltato i lavori di pulitura, manutenzione e messa in sicurezza relativi all’alveo del fiume Verderame, ma, allo stato, i lavori i risultano sospesi a causa della mancanza di fondi». Ha constatato, l’assessore.

Ma c’è, purtroppo, di più. «Né la pianificata pulitura dei canali, né la realizzazione di un meccanismo di sicurezza sullo sfioro che consente il deflusso delle acque provenienti dai canali di scolo (la “valvola”, NdR) saranno in gradi di risolvere i problemi», ammette l’ing. Cusenza.

«Un’attenta analisi tecnica delle problematiche idrauliche – spiega il tecnico – fa concludere che l’unica soluzione possibile è l’istallazione di un adeguato impianto di sollevamento che consenta l’immediato e diretto smaltimento delle acque», perché esiste «l’assoluta mancanza di pendenze che garantiscono il corretto smaltimento delle acque, e ciò si ripercuote a monte con conseguenti esondazioni dei canali ed allagamenti».

Sarà predisposto, assicura l’assessore Cusenza, «un progetto propedeutico alla realizzazione di tale impianto» di sollevamento.

Ma i tempi, in attesa di incarichi, progetti e finanziamenti non si annunciano certamente brevi.

Nel frattempo il rischio esondazione del Verde-rame resta incombente ma, almeno, ora, a Paceco abbiamo un giovane assessore che sa cosa è necessario fare: è già un bel passo avanti.